Come evitare l’intervento al tunnel carpale

Ciao a te che mi stai leggendo in questo preciso momento, mi chiamo Max Manis e sono un uomo come molti altri, l’unica differenza è che sono riuscito ad evitare l’intervento al tunnel carpale e superare i dolori che mi affliggevano di continuo. So benissimo come ti senti, dolori lancinanti alla mano, notte insonni a causa del formicolio, la sensazione di bruciore che ti attanaglia ed ad un certo punto dici “basta, non ce la faccio più!”

Anche io ho pensato di ricorrere all’intervento per portar fine ai dolori, ma quando mi sono informato bene sui rischi nel lungo periodo, ho deciso di trovare una valida soluzione alternativa. Una soluzione che andasse a risolvere il problema alla radice, nel profondo, non in superficie. Devo dirti che ci sono riuscito ed ho evitato l’intervento al tunnel carpale grazie ad un metodo naturale che ho sviluppato personalmente dopo averne provati svariati nel corso della mia ricerca.

Vediamo subito perché è meglio evitare l’intervento al tunnel carpale.

Molto semplice, a nessuno piace essere messo sotto ai ferri, l’intervento consiste, in poche parole, nel tagliare alcuni legamenti che circondano il tunnel carpale, al fine di ridurre la compressione del nervo mediano (il nervo interessato riguardo ai dolori che provi). Di seguito ti mostro una lista delle possibili conseguenze che si possono verificare dopo l’intervento al tunnel carpale.

  • Spesso passano mesi e mesi prima di tornare operativi al 100% con l’utilizzo della mano operata.
  • Molte volte non si riesce a recuperare tutta la forza della mano operata con l’ intervento al tunnel carpale, quindi non si riesce a sollevare oggetti come prima con tutti i disagi che questo può portare.
  • Poche volte le complicazioni possono essere peggiori, come scosse, freddo gelido e dolori che non passano senza antidolorifici, con la conseguenza di trovarsi in condizioni ancora più gravi rispetto a seguito dell’ intervento. E magari ci si trova di fronte a dover “impasticcarsi” di creme, pomate, antidolorifici e tutte sostanze chimiche (e si sa, non fanno mai bene al proprio corpo, soprattutto se in quantità elevatissime).
  • L’ intervento al tunnel carpale provoca una cicatrice dove viene effettuato, quest’ultima, a lungo andare si farà sentire (fra mesi o qualche anno), dato che è tessuto connettivo puro molto rigido che attira verso di se i tessuti circostanti.
  • La mano può rimanere gonfia, arrossata e potresti provare dolore a muoverla anche dopo 2 mesi dall’intervento al tunnel carpale.

Cicatrice a livello del polso dopo intervento al tunnel carpaleAndiamo un po’ più nel dettaglio per capire perché è meglio evitare l’intervento al tunnel carpale. 

Per capire bene come si può evitare l’intervento chirurgico grazie a dei semplici esercizi naturali, dobbiamo analizzare un l’anatomia della zona del tunnel carpale. Ci sono 8 piccole ossa del polso, chiamate “ossa carpali”, queste ossa costituiscono la base del tunnel carpale. Un legamento chiamato flessore retinacolo, detto anche più comunemente legamento traverso del carpo, costituisce il soffitto del tunnel, detto “il ponte”.

Ecco una figura per farti capire bene:

Area della mano interessata dallo schiacciamento del nervo mediano

Attraverso il tunnel carpale passano i 9 tendini flessori, oltre al nervo mediano.
Se questa zona presenta un qualsiasi tipo di pressione, il nervo mediano verrà schiacciato con conseguente dolore e intorpidimento alla mano ed al polso. Semplici movimenti ripetitivi del polso o della mano, come lavorare al computer, suonare uno strumento musicale, lo sport, o anche lavorare a maglia, possono provocare gonfiore nella zona del tunnel carpale.

Abbiamo visto prima che l’intervento al tunnel carpale consiste nel tagliare dei legamenti per aumentare lo spazio di passaggio del nervo mediano. Ma se si potesse aumentare lo spazio necessario al passaggio normale del nervo semplicemente riducendo la pressione nella zona del tunnel carpale, non sarebbe migliore rispetto a ricorrere all’intervento chirurgico?

Per evitare l’intervento al tunnel carpale ti mostro un semplice esercizio da applicare subito.

Per provare la sensazione di benessere ed iniziare il processo di guarigione evitando l’intervento al tunnel carpale, esegui l’esercizio del dottore Housang Seradge dell’università dell’Oklaoma, così come mostrato nel video. Non è niente di complicato e ti richiede solo un po di costanza e pratica. Ripeti ogni posizione almeno 5 volte rimanendo al minimo 5 secondi per ciascuna.

  • Polso neutrale, dita e pollice in flessione.
  • Piega il polso all’indietro.
  • Polso neutrale, dita e pollice estesi.
  • Apri le dita.
  • Gira verso il davanti il palmo.
  • Con l’altra mano stretching al pollice tirandolo verso l’indietro.

video esercizi – tunnel carpale 


Questa manovra ti aiuterà a provare sollievo veloce ai tuoi fastidiosi dolori, da qui inizierai a capire che evitare l’intervento al tunnel carpale si può, bastano alcuni semplici esercizi uniti alla costanza ed alla pratica (come quando vai in palestra) per riuscirci. Puoi visionare e mettere in pratica un’altro semplice esercizio che trovi su questa pagina.

Come puoi capire e come hai potuto leggere dall’articolo io sono contrario all’intervento al tunnel carpale. Sono riuscito a risolvere il mio problema grazie ad un metodo completamente naturale che ho deciso di condividere con te. Puoi accedere alla pagina di presentazione da qui.

Per qualunque informazione riguardo come evitare l’intervento al tunnel carpale e guarire con i rimedi naturali, mi puoi contattare anche via email a info@tunnelcarpaleaddio.com.

Alla tua nuova vita.

Max Manis

PS: Evitare l’intervento tunnel carpale si può. Basta seguire alcuni semplici passi. Come primo step, ti suggerisco caldamente di capire i danni di un possibile intervento chirurgico e anche come puoi evitarlo provando sollievo già nelle prossime 72 ore. Puoi vedere la presentazione del primo ed unico sistema completamente naturale per eliminare la sindrome del tunnel carpale accedendo dalla parte alta o bassa di questo sito.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *